MARCO DENTICI nasce a Galati Marina, Messina, il 2 giugno 1947.  Ultimati gli studi all’Istituto Statale d’Arte della stessa città nel 1964, frequenta il corso di scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano,  dove tornerà ad insegnare dal 2004 al 2009. Vive e opera a Milano fino al dicembre del 1970 svolgendo prevalentemente l’attività pittorica, alternandola a  quella teatrale e televisiva. All’inizio del 1971 si stabilisce a Roma, dove intraprende l’attività cinematografica in qualità di scenografo.   Si occupa di grafica, pubblicità, progettazione e ristrutturazione d’interni. Pubblica articoli di argomento teatrale e cinematografico. Partecipa in qualità di  relatore a diverse manifestazioni riguardanti il linguaggio cinematografico, tra le quali nel 2010 all’Accademia di Architettura di Mendrisio (Svizzera);  all’incontro con gli studenti di Lettere alla U.S. University of Princeton, New Jersy (1986); al Miami Filmfestival, Florida, (1990); all’incontro con i direttori  della fotografia di Videotime a Milano (1991), alla “Quattro giornate delle arti” nella facoltà di Architettura di Ferrara, (1997). Al Corso “Fare cinema” curato  da Marco Bellocchio, Bobbio (1999). Alla facoltà di Lettere dell’Università La Sapienza di Roma. Nel 2004 e 2005 partecipa in qualità di relatore alla  Settimana della Cultura presso il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali; nel 2008 a Palazzo Chigi di Ariccia al convegno  “Immagine e Psiche”. Dal  1996 al 1999 ha ricoperto il ruolo di coordinatore didattico presso l’Accademia Europea di Effetti Speciali di Terni, diretta da Carlo Rambaldi. Nel Gennaio  2009 partecipa come relatore al Bifest di Bari.  Dal 2004 al 2009 è stato Docente di Scenografia Cinematografica nel Biennio specialistico presso l’Accademia di Brera – Milano. Insegna nella stessa  Accademia dal 2013.  E’ stato presidente dell’A.S.C.( Associazione Scenografi Costumisti) dal 2005 al 2007. Dal 2010 è membro EFA (European Film Academy). Il suo nome è incluso nell’European Biographical Directory.  I numeri: -71 film - 11 fiction tv per un totale di 69 puntate - 4 film per la televisione - 8 trasmissioni televisive e teleromanzi di lunga serialità fra cui 20 puntate per “Un luogo chiamato cinema” -  34 opere teatrali. -1 corto - 2 documentari - 1 regia cinematografica.   ATTIVITA’ PITTORICA Durante e dopo gli studi accademici si dedica con continuità alla pittura, partecipando a numerose collettive ad Asti, Bari, Cuneo,Vercelli, Milano, Reggio Calabria, Messina, Seregno, Cassano D’Adda, Porto Ferraio, Roma. Alcune opere si trovano presso collezioni private e gallerie a Messina, Siracusa, Palermo,Roma, Milano Genova Parigi, Lione, Boston, New York, San Francisco. Nel 1965 si apre a Messina la sua prima mostra personale. Nel 1968 s’inaugura la sua seconda mostra sempre nella stessa città. Partecipa a vari concorsi di pittura, ottenendo numerosi riconoscimenti fra i quali: Coppa E.P.T. – 1964 Premio Soggiorno e Turismo edizione “Tavolozza d’oro” - 1966 1° Premio Paradiso – 1966 – 2° Premio città di Seregno – Milano - 1966 1° Premio Internazionale “Tavolozza d’oro” – 1967 Premio Istituto Bancario San Paolo di Torino – Santhià Vercelli. 3° Premio Fiera del Tempo libero – Messina – 1968.
BIOGRAPHY
BIO
BIO
TV
TV